Fogli sparsi

Grani antichi

La prima volta che abbiamo dormito con le finestre aperte
l’ultima volta che abbiamo cenato coi ragazzi
il giorno in cui sono tornate le rondini
I grani antichi.
Ci metto il burro e la marmellata, al mattino.
«Scusi, avete mica il pane coi grani…» e lancio dei puntini di sospensione.
«Antichi», mi dice la fornaia, di cui vedo solo gli occhi.
«Sì».
Quando ho iniziato a comprare il pane coi grani antichi?
Chi ha fatto precipitare in me questo desiderio?


(poesia uscita su Perfect Magazine il 02/05/2020)

IMG_20200504_150908

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...